Creatività Vs malattie mentali: Toby Allen ed i suoi piccoli mostri ci raccontano il malessere

La creatività non è solo un’arma vincente per trovare nuove soluzioni, ma può aiutare a raccontare in modo diverso la causa di un malessere psicofisico.

Un illustratore inglese sta creando una serie molto interessante di disegni con lo scopo di generare awareness sulle malattie mentali, rappresentando e personificando alcuni tra i disordini più diffusi in veri e propri mostri.

L’artista in questione è Toby Allen e la sua opera si chiama Real Monster: una collezione di 24 illustrazioni che spaziano dalla depressione all’ansia, dalla schizofrenia allo stress post traumatico.

I mostri sono accompagnati da una breve descrizione, che ne racconta particolarità e connotazioni caratteriali, in linea con i sintomi dei disturbi mentali reali che rappresentano.

Un’iconografia che ricorda il mondo fantasy, a metà strada tra i giochi di ruolo ed i fumetti, inventata dall’autore per darsi supporto e confrontarsi quotidianamente con l’ansia.

I contenuti sono raccolti in un Tumblr, li potete scoprire qui.

Disegnando le proprie paure e preoccupazioni come piccoli mostri, Toby Allen racconta di aver imparato a convivere con il malessere, alleviando le sensazioni negative che gli impedivano di vivere con serenità.

Dopo aver pubblicato la sua prima creazione su Facebook, il feedback positivo degli utenti lo ha convinto a continuare e a confrontarsi con le altre patologie, dialogando e scambiandosi informazioni con i propri followers.

Dopo aver raccolto le loro esperienze ed averle rielaborate, Toby Allen è riuscito ad arricchire  la sua collezione con vari disturbi, così da contribuire – grazie ai suoi contenuti – a dare visibilità online a delle patologie molto spesso sottovalutate.

Annunci

Only for Mark: creativi per una scuola di creatività – Underground Creative School

Spesso in Italia chi non ha talento insegna, in particolare nel nostro settore.

Siamo bombardati da costosissimi corsi e workshop in social media qualcosa che – in poche ore di lezione –  raccontano il banale, l’ovvio e lo sbagliato a decine di speranzosi studenti. D’altronde, gran parte del target italiano è purtroppo naturalmente predisposto a pensare che in tutte le discipline – in specie quelle nuove dell’internet – basta un minimo sforzo, un’infarinatura generale, l’utilizzare spesso una piattaforma per diventarne un guru ultraterreno.

Da qui la fioritura di numerose sedicenti scuole della creatività e dei social media gestite da over 60, che di creativo hanno solo il modo in cui hanno riempito le loro lezioni di fumo e che non perdono mai l’occasione di cercare visibilità nel modo sbagliato.

</mood negativo>

Detto ciò, sono rimasto piacevolmente colpito dal progetto con cui si è promossa la Underground Creative School di Buenos Aires, grazie all’idea di un gruppo di 25 studenti di digital creativity.

Tutti loro volevano terminare il loro percorso formativo e trovare un lavoro ma con uno scenario così competitivo avevano un problema: trovare il modo di emergere e far notare la qualità della loro ispirazione ed il loro valore aggiunto.

Per questo hanno deciso di impressionare con una strategia social il miglior creativo dei nostri tempi, colui che nel bene e nel male ha cambiato le regole del gioco ed ha costruito un impero: his majesty Mark Zuckerberg.

Il ragionamento è molto semplice, come tutte le campagne che funzionano: se riusciamo ad ingaggiare lui ed ottenere il suo interesse, significa che siamo capaci di farlo con chiunque.

Vediamo in questo video come ci sono riusciti con il progetto Only for Mark:


La pagina Facebook del progetto: https://www.facebook.com/onlyformark/timeline

Only for Mark

 

Per ritornare al discorso di apertura, noi a Roma abbiamo questo:

Roma

Un nuovo News Feed per Facebook

Dopo il restyling di Twitter, anche Facebook si cambia d’abito e rinnova il suo News Feed a meno di un anno dall’ultimo fine tuning grafico.

NewsFeedUpdateMarch2014650

Nessuna modifica sui contenuti che appariranno nella home page degli utenti, il nuovo News Feed come stile si ispira molto alla versione mobile, così da creare una interfaccia da desktop coerente con l’ormai più diffusa modalità di accesso alla piattaforma, via smartphone. 

Facebook ha annunciato il restyling dichiarando:

Today we’re rolling out an updated look for News Feed so that desktop and mobile will look the same, making Facebook more consistent and easier to use across platforms.

You may recall that last year we experimented with a complete redesign of News Feed for desktop and mobile. People who tested it told us that they liked the bigger photos and images, but found it more difficult to navigate Facebook overall. The updated design has the best of both worlds: It keeps the layout and navigation people liked, but offers bigger images and photos, as well as a new font. The current design on mobile remains the same.

These changes are visual updates and do not affect how we surface content to people, nor do they change how stories are ranked in News Feed. Although in the new design all images are larger, both organic stories and ads will be the same size — similar to the way images appear on mobile.

These changes will roll out in the coming weeks. As a marketer on Facebook, you don’t need to take any action. Requirements for creative specs and image aspect ratios for ads have not changed. Also, this update does not affect how you buy and optimize ads. You should continue to advertise based on your objectives.